La vera storia del fantasma nero, Racconto horror a puntate, di Enea De Stefanis

Puntata 1

C'era una volta, tanto tempo fa, una casa abitata dal fantasma nero. Più nessuno voleva viverci. A dire il vero, ogni tanto qualche forestiero in cerca di un'abitazione in città, senza sapere la storia, l'affittava, ma dopo qualche giorno, scappava a gambe levate per la paura.

Per questo motivo, l'agenzia proprietaria dell'edificio, decise di chiamare una ditta di acchiappiafantasmi.

Erano le dieci del mattino, quando davanti all'abitazione abbandonata, arrivò un furgoncino nero. Due persone, vestite di bianco con un strano equipaggiamento dietro alla schiena, scesero dal mezzo e si diressero verso l'entrata. Suonarono al campanello.

"Qui non ci viene ad aprire nessuno" disse uno dei due acchiappafantasmi.

"E ci credo, è abbandonata..." rispose da qualche metro di distanza il funzionario dell'agenzia proprietraria della casa.

"Salve" dissero in coro i due acchiappafantasmi.

"Benvenuti, ragazzi. Non c'è tempo da perdere, per il tempo è..."

"Denaro?" rispose a sua volta con una domanda l'acchiappafantasmi più basso e tarchiato.

"Proprio così, dunque mettetevi all'opera, e scacciatemi una volta per tutte queste maledetto fantasma nero."

"Sarà fatto" risposero in coro i due acchiappafantasmi.

Aprirono la porto e subito udirono un rumore sinistro provenire dal primo piano. I due, nonostante la grande esperienza, rimasero impetriti. 

"Non sembrate in forma" disse il funzionario.

"È che non abbiamo mai dovuto acchiappare un fantasma nero, di solito erano sempre bianchi, e questa cosa del colore ci rende un po' inquieti.

"Comunque per noi è anche una grande esperienza, sai, tutto fa curriculum, di questi tempi..." disse l'acchiappafantasmi più alto e magro.

"Allora buon lavoro, e in bocca al lupo, anzi, meglio di no" concluse il funzionario.