BIOGRAFIA

Max Deste (Massimiliano De Stefanis) è uno scrittore e cantautore svizzero, nato a Schönenwerd il 28 febbraio 1973. Ha pubblicato due romanzi, una trilogia teatrale, una raccolta di poesie, alcuni saggi letterari, due Dvd didattici per ragazzi, e numerose produzioni musicali, sfociate in quattro album, in tre reading e in una colonna sonora drammaturgica.

Laureato in Lettere, ha in seguito svolto l’attività di ricercatore per il FNRS e di assistente presso l'Università di Losanna, approfondendo in particolare il discorso metanarrativo tra Otto e Novecento. Attualmente insegna italiano, storia e civica nella scuola media di Castione, dove negli ultimi anni ha proposto diversi laboratori creativi ed educativi legati alla scrittura, al teatro, all’uso dei social media e alla pratica della mindfulness. È impegnato inoltre nel volontariato come direttore del Centro di meditazione Shambhala Ticino. Sul piano politico, è stato consigliere comunale a Iragna, e presidente della locale sezione del partito socialista. Dal 2009 milita presso il gruppo della sinistra nel suo comune di domicilio a Lumino. È infine un appasionato delle terapie naturali, praticando in particolare la cromoterapia, la riflessologia e il massaggio.  

L'opera artistica di Max Deste si rivolge ad una potenziale ampia fascia di fruitori, ai quali prova a fornire la sua versione della realtà nuda e cruda, con l'intento dichiarato di scuotere le coscienze, destare dal torpore e spingere alla ribellione dall'inesorabile processo di disumanizzazione in corso. In generale, Max Deste è un pensatore che non si limita solo a distruggere l'attuale bozzolo tecnologico che sempre di più imbriglia, addomestica e soffoca l'uomo contemporaneo, ma tenta anche di evocare possibili orizzonti meno claustrofobici. Egli cerca da una parte di fare a pezzi i luoghi comuni del pensiero unico globalizzato, raccontando spesso in modo sarcastico le trasformazioni, le derive e le paure dell'homo technologicus e gli scenari apocalittici connessi ad un tecnocapitalismo spietato e, dall’altra, prefigura l'avvento di una società più consapevole, compassionevole e illuminata grazie a pratiche come la meditazione che riportano l'uomo, con il suo corpo e con la sua mente, e di riflesso anche l'ambiente, al centro di ogni discorso.

La sua scrittura, dunque, abbraccia in modo sapiente le questioni più attuali. L’atmosfera decadente e la prospettiva distopica accompagna pertanto tutta la sua opera ed è impersonificata dai volti spesso rassegnati dei suoi protagonisti, che incarnano perfettamente la crisi della civiltà occidentale. In particolare, la sua opera letteraria è caratterizzata sia da descrizioni lucide e distaccate, redatte in uno stile asciutto, asettico, spesso scientifico, prediligendo le frasi brevi, spezzate, ottenendo così un effetto disumanizzante, sia da periodi più ampi in cui spicca un linguaggio lirico e ispirato, con alti riferimenti letterari, che portano sempre e comunque a risvolti inquietanti della sua Weltanschauung.

Egli scava pertanto volutamente nelle insicurezze dei suoi personaggi, dando voce a inquietudini nascoste. Le riflessioni sull’industria culturale e dell’intrattenimento, sulla secolarizzazione e sul progresso tecnologico sono i tasselli di un mosaico teoretico preciso, che ci fornisce un ritratto del presente impietoso: l’uomo schiacciato e umiliato dall'ingranaggio sociale nel quale si è inseriti fin dalla nascita. Ed è proprio su questo punto che i suoi protagonisti tentano la ribellione, cercando il riscatto, che porta però alla constatazione che la religione e la famiglia, con i loro valori tradizionali, che rappresentavano un'alternativa amorevole e gratuita alla competizione materialistica, stanno scomparendo.

Il ribelle, colui che tenta di fuggire dalla comoda caverna platonica ormai divenuta high-tech, dovrà dunque muoversi senza l'aiuto di nessuno, potendo sopravvivere soltanto grazie ad una netta scelta di campo tra queste due possibilità: omologarsi, perdendo la propria identità, fino ad annullarsi nei meandri dell'algoritmo, oppure rifiutarlo, mettendelo tra parentesi grazie all’amore per la vita in tutte le sue sfumature, rivalutando quindi anche il corpo come fonte di piacere che ci differenzia dalle macchine.

La sua prosa è contaminatata da numerosi generi letterari (noir, pulp, fantasy, horror, romanzo di formazione, cultura pop e cyberpunk, romanzo di anticipazione, ecc.), lo sfondo  distopico  sembra essere tuttavia una costante. Le storie sono infatti ambientate al limite tra futuro prossimo e contemporaneità, in cui il genere umano sembra ad un passo dall'immortalità e la società appare sempre più controllata. E il superamento dei limiti biologici ottenuto grazie alla manipolazione genetica è un tema ricorrente. Ma di fantascienza non c’è nulla, e quella che viene spesso messa in risalto è una sistematica critica dell’attuale società del consumo, in cui i protagonisti, disorientati, faticano a trovare la loro strada. 

Sul piano musicale, dal 2007 in Ticino, ha iniziato a proporsi come compositore e paroliere (in inglese e in francese), fondando prima i Bruit de Fond, con i quali ha vinto alcuni premi tra “Palco ai giovani” e i contest di Radio Ticino, realizzando un album (“Borderline”, 2008) e un Ep (“Solitaire”, 2009), e in seguito i My Dead Mind, con i quali ha inciso diversi singoli.

Come cantautore, nel 2013 ha realizzato un Ep (“Il tuo cigno è morto”), con i brani ancora nelle tre lingue. Nel 2018 ha pubblicato l'album “Ok silenzio”, in italiano, prodotto in collaborazione con l'Heaven recording studio di Lugano, in cui emergono per la prima volta sonorità anche elettroniche. Quest’ultimo lavoro è stato premiato come miglior album del mese di dicembre 2018 dalla celebre rivista italiana Systeme Failure, ed è stato molto apprezzato dalla critica.

È stato diverse volte ospite nelle trasmissioni radiofoniche locali, esibendosi infine in Piazza Grande in occasione della Notte Bianca di Locarno, dopo essere stato selezionato dalla trasmissione radiofonica Music Club. Dopo un grave incidente ciclistico che ha rischiato di pregiudicargli l’uso del braccio, e che l’ha tenuto lontano dalle scene per un anno, ha recentemente ripreso l’attività dal vivo suonando al Longlake festival di Lugano, dove ha presentato anche la sua opera letteraria. 

I suoi singoli sono stati in programmazione in tutte le radio ticinesi e in diverse italiane, e il suo ultimo “Dolce far niente” anche su quella nazionale Radio Swiss Pop. Il 18 settembre uscirà un nuovo brano (“Qualcosa di magico”), e prossimamente è previsto l’album dal titolo “L’antidoto”.

Attualmente si esibisce dal vivo chitarra e voce accompagnato da Roberto Panzeri (Vad Vuc) alle percussioni, proponendo tutto il suo recente repertorio pop, rock e folk riarrangiato in chiave acustica, oltre ad alcune cover d’autore (Cremonini, Battiato, Subsonica, Negrita, Gazzè), offrendo uno spettacolo particolarmente intenso, ritmico e avvolgente.

 

CONTATTI

Ufficio stampa: mdestefa1@me.com

Booking: info@maxdestefanis.ch

Sito: www.maxdestefanis.ch

 

SOCIAL

Facebook profilo: Max Deste

Facebook pagina ufficiale: Deste

Youtube: Max Deste

Instagram: #maxdestemusic

 

DISTRIBUZIONE

Su tutte le piattaforme online

 

BIBLIOGRAFIA

. Segui il tuo respiro (Romanzo, 2017)

. Show Surprise (Romanzo, 2013)

. Soldi (Pièce teatrale, Dvd, 2012)

. Le metamorfosi (Trilogia teatrale + Dvd, 2008-2011)

. I giochi pubblici nella Roma imperiale (Saggio storico-pedagogico-didattico, 2007)

. Chiarori in una notte senza stelle (Raccolta di poesie, 2006)

. Una lettura di Fontamara (Saggio letterario, 2004)

 

DISCOGRAFIA

. Qualcosa di magico (singolo, 2020)

. Dolce far niente (singolo, 2020)

. Chiaroscuro (singolo, 2019)

. Ok Silenzio (album, 2018)

. Dove finisce il giorno (singolo, 2018)

. Ancora estate (singolo, 2018)

. Danzare tra le nuvole (singolo, 2018)

. Neverdie (Ep, 2013)

. We are the same (singolo, 2013)

. Il tuo cigno è morto (Ep, 2013)

. Rumore primo (Colonna sonora, 2011)

. Solitaire (Ep, 2009)

. Borderline (Album, 2008)

 

READING MUSICALI

. Fuga dalla casa del grande fratello (2012), in collaborazone con Luca Saltini

. Show Surprise (2014)

. Segui il tuo respiro (2017)

 

VIDEOCLIP

. Dolce far niente (2020)

. Disconnessa (2018)

. Corpi violati (2013)

. Neverdie (2013)